Morgan Stanley riduce le stime sui dividendi delle banche europee

di Stefania Russo 1

Visto il clima di incertezza che continua a caratterizzare la situazione economica e finanziaria Morgan Stanley ha deciso di riprendere in mano le stime relative..

Visto il clima di incertezza che continua a caratterizzare la situazione economica e finanziaria Morgan Stanley ha deciso di riprendere in mano le stime relative ai dividendi delle banche europee.

Una decisione questa del broker che ha come conseguenza una modifica al ribasso delle ultime previsioni, in particolare a risentirne sono state le previsioni sui dividendi di Deutsche Bank, BNP Paribas, Crédit Agricole, Société Générale, Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banco Bilbao Vizcaya Argentaria, Credit Suisse e KBC.


Ma non è finita. Morgan Stanley ha inoltre declassato Crédit Agricole da “Overweight” ad “Equal-weight” e Swedbank da “Equal-weight” ad “Underweight”. Appare dunque in controtendenza la promozione di Banco Popular da “Underweight” ad “Equal-weight”.


Oltre all’incertezza economica e finanziaria, tuttavia, quello che più di tutto ha spinto Morgan Stanley a rivedere le sue previsioni sulle banche europee è il fatto che a suo avviso il mercato sta sottovalutando l’impatto delle proposte fatte dal Comitato di Basilea sulla Vigilanza Bancaria.

Le indicazioni di Basilea costituiscono un duro colpo per le banche europee e bisogna tenere ben presente il fatto che diventeranno effettive a partire dalla fine del 2012, fino a questa data secondo il broker le banche europee potrebbero aver bisogno di raccogliere nuovo capitale per circa 83 miliardi di euro.

Morgan Stanley ha poi aggiunto che sul settore bancario secondo le sue previsioni dovrebbe andare ad incidere in maniera notevole anche la riforma proposta dal Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>