Mercato americano ancora in crisi occupazionale

di Lorenzo Di Cataldo Commenta

L'evento chiave di questa ultima giornata di trading settimanale riguarda i dati sull'occupazione Usa..

L’evento chiave di questa ultima giornata di trading settimanale riguarda i dati sull’occupazione Usa. Come preannunciato le aspettative sono per un ulteriore peggioramento delle condizioni occupazionali per il 14esimo mese consecutivo.

Secondo Bloomberg il dato dovrebbe scendere a 650,000 unità di lavoro perse continuando cosi a dimostrare che il mercato non è ancora pronto ad una reazione.



Il dato sulla disoccupazione dovrebbe essere al 7.9% arrivando ai livelli più elevato dal 1984. Questi dati comporteranno nelle prossime settimane delle contrazioni del personal spending. Alla luce di queste considerazioni come potrebbe reagire il mercato?

Un dato negativo di questo genere dovrebbe portare ad un indebolimento del Usd ma purtroppo la reazione a questa notizia non è sempre stata così negli ultimi mesi. Infatti il mercato da 14 mesi solamente una volta ha reagito in questo modo ed invece ha visto dei rafforzamenti del Usd nell’immediato post pubblicazione del dato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>