Buzzi Unicem titolo non convince Equita Sim

di Redazione Commenta

Il titolo Buzzi Unicem è stato inserito nella categoria dei least preferred di Equita Sim, che stamattina ha deciso di abbassare il giudizio sulle azioni della società cementifera a “reduce"

Il titolo Buzzi Unicem è stato inserito nella categoria dei least preferred di Equita Sim, che stamattina ha deciso di abbassare il giudizio sulle azioni della società cementifera a “reduce”, ovvero ridurre l’esposizione in portafoglio. Secondo gli esperti del broker milanese nei prossimi mesi il titolo Buzzi potrebbe fare peggio del mercato, considerando il rally del 60% evidenziato in borsa dal 2012 e le prospettive del mercato cementifero. Nessuna modifica, invece, per il target price che resta invariato a 10,8 euro, più o meno in linea con i valori correnti.

Stamattina le azioni Buzzi Unicem risultano in calo dello 0,73% a 10,91 euro. Il titolo quota sui minimi più bassi degli ultimi sette giorni. Il downgrade effettuato da Equita Sim riflette la minore visibilità relativa al tempo necessario al mercato italiano per raggiungere una condizione di maggiore equilibrio tra la domanda e l’offerta.

BUZZI UNICEM: RATING ALZATO DA EXANE AD OUTPERFORM

Equita ritiene che la razionalizzazione della rete di produzione mette i player più importanti del settore in una condizione privilegiata per sfruttare l’eventuale ripartenza dei consumi. Tuttavia, secondo il broker, non ci sarà alcuna ripresa né quest’anno né nel 2014. Oggi l’Italia rappresenta il 28% della capacità installata di Buzzi Unicem (il 21% per Italcementi e il 31% per Cementir) e la buona diversificazione sui mercati esteri non aiuta molto.

AZIONI ITALIANE CHE HANNO RESO PIU’ DEL 100% NEGLI ULTIMI 10 ANNI

Inoltre, gli attuali multipli di Buzzi già scontano le prospettive di ripresa dell’attività negli Stati Uniti, che conta per il 24% della capacità del gruppo cementifero italiano. Equita sottolinea che oggi Buzzi deve fare i conti con un’esposizione ancora troppo elevata sull’Egitto, che conta per l’11% sull’ebitda al 2013, e sulla Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>