Titolo Fiat in netto rialzo

di Redazione Commenta

Hanno seguito l'andamento positivo di Wall Street e dei mercati asiatici tutte le principali borse europee con Parigi che segna +3,26%, Francoforte..

Hanno seguito l’andamento positivo di Wall Street e dei mercati asiatici tutte le principali borse europee con Parigi che segna +3,26%, Francoforte +3,42% e Londra +2,72%. A Milano il Mibtel segna un rialzo del 2,61%, mentre l’S&PMib guadagna il 2,87%. A Piazza Affari registrano un andamento positivo anche i titoli bancari con Banco Popolare +6,67%, Unicredit +5,23% e Intesa Sanpaolo +2,56%.

Ma la vetta spetta a Fiat che guadagna il 7,63% grazie soprattutto ai dati relativi alle immatricolazioni del mese di Marzo che vedono il Lingotto leader nel settore delle vendite italiane.


Gli investitori sono in attesa di notizie relative alle decisioni che verranno prese durante il G20 di Londra iniziato proprio oggi. Le decisioni che interessano riguardano soprattutto le misure economiche che verranno prese per cercare di combattere la crisi. Oggi, inoltre, si riunirà il consiglio direttivo della Bce, per decidere la politica monetaria. Gli economisti, a riguardo, sono certi che la Bce deciderà di abbassare di mezzo punto percentuale i tassi, ora pari all’1,5%.


Gli investitori, tuttavia, attendono soprattutto ulteriori dettagli sull’accordo Fiat-Chrysler. A tre giorni dal discorso di Barack Obama, discorso in cui il presidente aveva speso parole di stima e apprezzamento verso Fiat e i suoi vertici, gli investitori continuano a premiare le azioni del Lingotto, ma restano in costante attesa di comunicazioni dettagliate sull’accordo.

L’alleanza tra Fiat e Chrysler ha ricevuto approvazione anche da Henry Kissinger, Premio Nobel per la pace nel 1973, segretario di Stato Usa nel periodo tra 1973 e il 1977, uno degli uomini più potenti del mondo e che, anche oggi che ha 85 anni, continua ad essere considerato un grande esperto di politica estera. Il quotidiano La Stampa, infatti, ha pubblicato un’intervista in cui Kissinger afferma che “quello fra Fiat e Chrysler è un ottimo matrimonio, una perfetta alleanza fra due case molto diverse come prodotto e mercati, ma proprio per questo assai complementari. Esso è quanto di meglio le due aziende si potessero augurare per risolvere la situazione attuale che è terribile“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>