Mario Draghi allontana gli speculatori

di Redazione Commenta

Le Borse ieri hanno chiuso in forte rialzo, a partire proprio da Piazza Affari, così come lo spread, rispetto al Bund, sui titoli di Stato italiani e spagnoli ha fatto registrare un corposo ribasso.

La Banca centrale europea farà di tutto per salvare l’euro, così come è inammissibile che un Paese esca fuori dall’unione monetaria che è un processo irreversibile. Sono state queste, in estrema sintesi, le parole di Mario Draghi, presidente della Bce, che hanno fatto cambiare ieri repentinamente il vento sui mercati azionari e su quelli obbligazionari.

Le Borse ieri hanno chiuso in forte rialzo, a partire proprio da Piazza Affari, così come lo spread, rispetto al Bund, sui titoli di Stato italiani e spagnoli ha fatto registrare un corposo ribasso. Anche oggi, in mattinata, gli spread si attestano in lieve calo così come le Borse stanno cercando di allungare i progressi registrati nella sessione spumeggiante di ieri.



SPREAD TITOLI DI STATO AL NUOVO RECORD IN PORTOGALLO

E’ lecito in ogni caso scommettere sul fatto che le parole di Mario Draghi avranno un effetto temporaneo se non si passerà ai fatti. Per questo di sicuro servirà l’assenso della Germania al fine di accelerare dal fronte del cosiddetto meccanismo anti-spread che ad oggi non viene ancora applicato.

RATING ITALIA TAGLIATO DA S&P

Così come serve chiarezza sui destini della Grecia visto che l’Ue è decisa a proseguire con gli aiuti mentre dalla Germania fonti autorevoli dichiarano che l’uscita del Paese ellenico dall’euro non sarebbe un dramma. Ma lo sarebbe probabilmente per i mercati che, come visto nei giorni scorsi, non hanno apprezzato tali dichiarazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>