Spread Btp-Bund volatilità in aumento in vista delle elezioni

di ND82 Commenta

La giornata di ieri è stata caratterizzata dal ritorno degli acquisti sui mercati finanziari, dopo che nella seduta precedente erano avvenute massicce vendite soprattutto sui listini azionari e i bond periferici europei

La giornata di ieri è stata caratterizzata dal ritorno degli acquisti sui mercati finanziari, dopo che nella seduta precedente erano avvenute massicce vendite soprattutto sui listini azionari e i bond periferici europei. Il rimbalzo è stato consistente, in attesa della riunione della Bce di domani. A Piazza Affari, l’indice FTSE MIB ha guadagnato l’1,05% a 16.712 punti recuperando così una parte delle perdite accumulate il giorno prima quando il listino aveva accusato una flessione del 4,5%. Torna a scendere lo spread Btp-Bund, che ha chiuso poco sotto 280 punti.

La borsa di Milano ha aggiornato ieri nuovi minimi a trenta giorni, grazie soprattutto agli acquisti sui titoli bancari favoriti dal calo dello spread, che però in mattinata aveva supeerato quota 293 punti base. Secondo gli esperti del mercato obbligazionario, a tenere banco nelle prossime sedute saranno le aspettative sulle prossime elezioni politiche del 24-25 febbraio. Nonostante sia atteso un incremento della volatilità, gli esperti ritengono che sia improbabile un ritorno dello spread sui valori shock dell’autunno del 2011.

Il timore più grande degli investitori è che dalle urne possa uscire una maggioranza molto debole, considerando che nei sondaggi la coalizione di centro-destra ha recuperato quasi tutto lo svantaggio che aveva in precedenza accumulato nei confronti del centro-sinistra. Secondo gli operatori del settore obbligazionario, la volatilità sullo spread dovrebbe aumentare nei prossimi giorni e non va escluso la possibilità di un ritorno del valore sopra 300 punti.

Ieri in borsa il titolo migliore del paniere FTSE MIB è stato Banca Mps, che ha guadagnato il 3,22% a 0,2279 euro. Bene anche Unicredit (+2,54%) e Intesa Sanpaolo (+2,1%). In calo, invece, il titolo Fiat che perde lo 0,51% a 4,254 euro dopo la bocciatura ricevuta da Barclays, che consiglia di non investire nel titolo del Lingotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>