India intende acquistare ancora oro

di Redazione 1

La Cina e l'India sono al momento i due principali acquirenti di oro, ma la produzione è rimasta costante ed è per questo che i vari stati..

Nella giornata di oggi la quotazione dell’oro è a livelli record avendo raggiunto quota 1180 dollari l’oncia dovuto anche al deprezzamento del dollaro nei confronti dell’euro che ha superato quota 1,50 euro.

Qualche mese fa l’India ha acquistato un’ingente quantità di oro per un valore complessivo di 6,7 miliardi di dollari per 220 tonnellate. L’operazione è avvenuta lo scorso 3 novembre e da quel giorno la quotazione del metallo prezioso è aumentata di 11 punti percentuali.


Nella giornata di oggi arriva la notizia che l’India avrebbe intenzione di acquistare una nuova quantità di oro dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) che risulta al momento essere il terzo detentore di oro a livello mondiale subito dopo USA e Germania seguita quindi dall’Italia.


La Cina e l’India sono al momento i due principali acquirenti di oro, ma la produzione è rimasta costante ed è per questo che i vari stati cominciano ad acquistare oro dalle riserve già in possesso da altre realtà. Se la produzione del metallo dovesse aumentare il prezzo all’oncia dovrebbe diminuire, ma è un’operazione che non gioverebbe alla speculazione che sta avvenendo in questi giorni.

Per alcuni analisti il prezzo dovrebbe raggiungere i 2000 dollari nel giro di 10 anni, altri invece dichiarano che al momento il prezzo è puramente speculativo e non corrisponde al reale andamento dell’economia e che quindi potrebbe tornare ai livelli dell’anno scorso.

Commenti (1)

  1. La richiesta dell’oro in India come del resto in Cina è in netto rialzo, grazie al boom delle loro economie questi paesi emergenti stanno aumentando esponenzialmente la loro richiesta d’oro. Il fattore scatenante dell’aumento di richeste d’oro è la crescita economica di questi paesi che oltre a ridistribuire la ricchezza permettendo a fascie di popolazione sempre più ampie di aumentare la propria capacità di spesa e di conseguenza di far lievitare i consumi anche di beni di lusso come l’oro, la tradizione verso l’uso di oro in questi paesi hanno radici antichissime sia sociali che religiose ed è considerato un bene irrinunciabile per accompagnare cerimonie e occasioni importanti. Un altro fattore che incide parecchio sulla domanda d’oro di questi paesi sono l’aumento delle riserve aurifere che i governi e le banche decidano di fare per diversificare parte dei ricavi accumulati con la crescita delle loro economie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>