Rifinanziamento mutuo Usa +11%

di Redazione Commenta

Le richieste di mutui nella scorsa settimana hanno registrato una impennata che ha portato ad ottenere un +8,5%..

Pare che lentamente la situazione economica americana si stia riprendendo e questo lo si denota dagli ultimi dati che sono arrivati dagli USA proprio questa mattina.

Dopo la crisi dei mutui subprime avvenuta più di 2 anni fa per la quale il mondo ne paga le conseguenze ancora oggi, la situazione sta via via migliorando e dall’America arrivano dati confortanti.


Le richieste di mutui nella scorsa settimana hanno registrato una impennata che ha portato ad ottenere un +8,5%, non solo, ma pare che stia migliorando anche l’economia immobiliare e questo lo si denota dal fatto che gli USA hanno registrato un +4% nelle richieste di mutuo per l’effettivo acquisto di una abitazione.


Sono salite dell’11% anche le richiste di rifinanziamento con le quali i cittadini americani possono ottenere maggiore liquidità finanziaria. Con questi dati è salito inevitabilmente anche il tasso di interesse per i mutui di lunga durata come quelli a 30 anni per i quali il tasso è aumentato di 0,11 punti percentuali da Maggio 2009 quando si era registrato il minimo portandosi a quota 4,79%.

Con questo abbiamo visto anche un recupero del dollaro nei confronti dell’euro con una leggera flessione che ha portato il rapporto euro-dollaro a pesare 1,47 contro i massimi delle scorse settimane che hanno fatto registrare anche lo sfondamento di 1,51.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>