Le banche italiane sono le più care d’Europa

di Gianni Puglisi 2

In base ad uno studio condotto dalla Commissione europea è emerso che le banche italiane sono le più care di tutta Europa, soprattutto..

In base ad uno studio condotto dalla Commissione europea è emerso che le banche italiane sono le più care di tutta Europa, soprattutto per quanto riguarda i conti correnti per i quali l’Italia ha i costi di gestione in assoluto più elevati.

Dalla ricerca, in particolare, è emerso che un cittadino privato per la gestione del proprio conto corrente spende in media in un anno in Belgio circa 58 euro, in Irlanda 82 euro, in Germania di 89 euro, in Gran Bretagna 103 euro, in Francia 154 euro mentre in Italia ben 253 euro.


La Commissione europea, in particolare, ha sottolineato che gli elevati costi di gestione dei conti correnti offerti dalle banche italiane sono legati soprattutto a costi molto alti per le operazioni chiave. Le tariffe, inoltre, sono sotto la media in termini di trasparenza e hanno i punteggi più bassi in termini di semplicità, per avere maggiori dettagli sui prodotti già illustrati sui rispettivi siti internet delle varie banche italiane, ha spiegato la Commissione, è stato indispensabile contattare direttamente oltre il 90% delle banche prese in esame dallo studio.


Secondo la commissione, tuttavia, il problema dell’informazione riguarda tutte le banche europee, non solo quelle italiane. Per il cliente, infatti, risulta piuttosto difficile capire nello specifico quali sono le spese che un determinato prodotto comporta e a quanto ammontano, un qualcosa che di conseguenza rende difficile anche la comparazione tra i vari prodotti. Insieme all’Italia in materia di trasparenza hanno ricevuto una valutazione negativa anche Austria, Francia e Spagna.

Il Commissario Ue ai Consumatori Meglena Kuneva ha affermato che i principi fondamentali della tutela dei consumatori vengono violati attraverso la complessa procedura che il cittadino è costretto a compiere per scovare i prezzi e gli oneri nascosti. Per questo motivo, quindi, è assolutamente necessario che le banche cambino radicalmente questo loro modo di fare, così come pure è necessario che le autorità degli Stati membri obblighino le banche a rispettare le leggi a tutela dei consumatori.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>