Il governo è al lavoro per aiutare il settore auto

di Gianni Puglisi Commenta

La preoccupazione tra i dipendenti Fiat è salita alle stelle dopo l'annunicio di Sergio Marchionne secondo cui..

La preoccupazione tra i dipendenti Fiat è salita alle stelle dopo l’annunicio di Sergio Marchionne secondo cui ben 60.000 posti di lavoro sarebbero a serio rischio se non si riesce a trovare una soluzione che sia rapida ed efficace allo stesso tempo.

Ciò che i vertici Fiat lamentano è soprattutto la totale assenza di intervento da parte del governo italiano. Le aziende produttrici di automobili degli altri paesi, infatti, hanno tutte, chi più chi meno, ricevuto aiuti dal proprio governo affinchè potessero far fronte al calo delle vendite determinato dalla crisi economica mondiale.


Il mancato aiuto da parte del governo italiano, quindi, sostiene Fiat, non solo mette a rischio numerosi posti di lavoro ma determina un grave squilibrio tra Fiat e i suoi principali concorrenti stranieri, squilibrio che potrebbe avere gravi riprcussioni sull’attività dell’azienda a lungo termine.

Oggi intanto, sempre per quanto riguarda il settore auto, il governo discuterà la proposta del Ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola che, contro il parere del Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, vorrebbe stanziare circa 300 milioni per incentivi auto per la rottamazione.


Questo, secondo il calcolo degli esperti, consentirebbe di recuperare circa il 20% delle perdite poichè determinerebbe l’acquisto di circa 200.000 auto nuove.

A rigurdo, tuttavia, il Ministro del Welfare Maurizio Sacconi ha invitato il governo a non focalizzare la propria attenzione solo sul settore auto piochè il problema coinvolge tutta l’industria legata alla produzione dei beni di consumo durevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>