Cambio euro dollaro sotto quota 1,37

di Alessandro Bombardieri Commenta

Il cambio euro/dollaro ha già annullato il rimbalzo fatto segnare venerdì scorso...

L’euro si dimostra debole nei confronti del dollaro, a causa soprattutto dei timori relativi al debito sovrano.

Il cambio euro/dollaro ha già annullato il rimbalzo fatto segnare venerdì scorso, testando la soglia psicologica di 1,36.

Come sottolineato dagli analisti, il quadro tecnico della moneta unica sta peggiorando, in tal senso una conferma sotto quota 1,37 potrebbe dare il via ad una nuova svalutazione, con primo target a 1,35 e secondo a 1,335-1,33.

Viceversa un veloce e deciso recupero nei confronti del biglietto verde oltre quota 1,37 potrà portare alla creazione di una base accumulativa, che potrebbe permettere un nuovo allungo. Tuttavia però, anche gli analisti vedono abbastanza difficile questa seconda ipotesi.

Inoltre, come se non bastasse, l’euro si sta dimostrando debole anche nei confronti della sterlina inglese, infatti è stata ceduta la soglia psicologica di 0,850 e a breve dovrebbe cedere anche l’area 0,842-0,840.

In questo caso sarà solamente un ritorno oltre quota 0,870 a fornire un nuovo e chiaro segnale di forza per l’euro.

Al contrario, il dollaro fa segnare i valori massimi delle ultime settimane soprattutto grazie al rialzo dei rendimenti dei bond governativi Usa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>