New Frontier Bank dichiara fallimento

di Francesco Di Cataldo Commenta

Sale quindi a 23 il bilancio delle banche che hanno dichiarato fallimento negli ultimi 3 mesi. Nel solo 2009 sono state 23 le banche americane costrette a dichiarare fallimento..

Proprio in questi giorni il presidente americano Barak Obama aveva dichiarato che l’America si stava lentamente riprendendo dalla crisi economica causata dai mutui subprime e oggi arriva la notizia che la banca più importante del Colorado la New Frontier Bank ha dichiarato fallimento e la notizia è stata data dalla Federal Deposit Insurance Corporation.

Sale quindi a 23 il bilancio delle banche che hanno dichiarato fallimento negli ultimi 3 mesi. Nel solo 2009 sono state 23 le banche americane costrette a dichiarare fallimento. Il segnale che arriva dall’America con questo crac non è dei più confortanti. Dall’inizio dell’anno la New Frontier Bank è decisamente la banca più grossa ad aver dichiarato fallimento.


A fallire nel mese di aprile non è stata solamente la banca del Colorado, ma con un comunicato stampa è arrivata anche la notizie che in North Carolina è fallita anche la Cape Fear Bank. Nel North Carolina erano circa 16 anni che non falliva una banca e la Cape Fear Bank aveva in deposito ben 403 milioni di dollari mentre deteneva un asset di 492 milioni di dollari. Per il momento non è arrivato nessun altro aggiornamento sull’accaduto.


La New Frontier Bank rimarrà aperta ancora 30 giorni al fine di poter erogare tutti i depositi ai propri clienti e offrire loro la possibilità di aprire nuovi conti correnti in altre banche che non risentono della crisi. La causa principale del fallimento è dovuto alla crescita della disoccupazione e della crisi dei consumi che porta inevitabilmente al fallimento di molte aziende che così non sono in grado di restituire prestiti e pagare i mutui. Obama non si è ancora pronunciato in merito a questo grosso fallimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>