Analisi tecnica euro/dollaro/yen

di Francesco Di Cataldo Commenta

L’Euro ha anche sofferto dell’abbassamento del rating dell’Ucraina passato..

Il dollaro ha avuto anche nel corso della giornata di ieri dei leggeri rafforzamenti sulla scia di dichiarazioni e dati che lasciano spazio a maggiore ottimismo.

Le ultime giornate continuano a dimostrare dal punto di vista tecnico come la situazione attuale sia particolarmente importante con il Dollar index che si sta consolidando formando un triangolo ascendente che potrebbe prossimamente rompere i massimi del 2008 confermando la tendenza rialzista. Solamente una rottura dei valori massimi registrati nel corso di lunedì andrebbe a negare tale scenario.


I dati sulla vendita di case sono stati in terribile riduzione rispetto agli ultimi dati registrati scendendo del 5.3%. Bernanke ha dichiarato davanti al House Financial Services Committee che il governo sta facendo di tutto per rimettere in piedi la situazione ed ha nuovamente negato qualsiasi intervento di nazionalizzazione che potrebbe portare a una tempesta sui mercati. Nonostante queste dichiarazioni il mercato ha chiuso in ribasso a New York in ribasso dell’1%.

Nella giornata di oggi seguiremo i dati relativamente ai beni durevoli che saranno in calo del 2.5%. questo dato potrebbe avere una certa influenza sul mercato.

L’Euro ha segnato un calo dopo che nella giornata di ieri è stato comunicato il dato sul pil tedesco in calo soprattutto a causa del calo del 7.3% nelle esportazioni e unito ad una serie di dati negativi lascia presupporre che i segni di recupero sono tuttora piuttosto lontani.

L’Euro ha anche sofferto dell’abbassamento del rating dell’Ucraina passato a CCC+/C mostrando una situazione di pesante crisi recessiva. Per la giornata di oggi il PMI per il settore del dettaglio dovrebbe scendere sotto i 50 per la contrazione del mese di Febbraio e sta dando sempre più prove che la recessione si sta approfondendo in Europa.


Il risultato del Pil del quarto trimestre nel Regno Unito è stato negativo come da aspettative con pesanti cali in diversi settori. Successivamente alla comunicazione di questi dati Blanchflower ha evidenziato uno scenario molto preoccupante indicando la sua attitudine favorevole ad ulteriori tagli del costo del denaro che dovrebbe avvenire in tempi brevi

Lo yen sta continuando a dare segni di distacco dall’andamento del mercato azionario e si dovra continuare a monitorare tale aspetto. L’economia interna da segnali sempre più negativi e l’aiuto per ora non arrivera dalle esportazioni. Almeno finquando lo JPY non subirà un significativo calo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>